Ristoranti sott’acqua nel mondo!

0
1814

Ithaa Undersea Restaurant (Conrad Maldives Rangali Island)

È uno degli undici bar e ristoranti presenti presso il Resort Conrad Maldives Rangali Island. Questo ristorante, cui si accede mediante una scala, è stato costruito a Singapore nel 2004 e poi trasportato alle Maldive, dove è stato collocato cinque metri sotto il livello del mare. Offrono cucina in stile fushion contemporaneo tra cucina maldiviana con influenze orientali e occidentali, il costo è un po’ alto ma verrá ripagato di sicuro dalla vista panoramica a 180° sull‘oceano e sulla barriera corallina è qualcosa che non sarà facile dimenticare. Ithaa nella lingua lingua maldiviana Dhivehi significa madreperla.

The Red Sea Star, Eilat – Israele

Entrando in questo ristorante, da cui si accede attraverso un molo che si allunga sul mare, si avrà la forte impressione di essere andati a finire dritti in un acquario. Le ampie vetrate con vista sul Mar Rosso e la straordinaria vita marina della barriera corallina renderanno la vostra cena un’esperienza unica e irripetibile.

Situato a Eliat, la città più meridionale di Israele, il Red Sea Star è stato costruito nel 1998, in una zona rovinata attività umane illegali. La progettazione è durata 4 anni, durante i quali, un vivaio di corallo è stato creato, per rilanciare la bella vita sottomarina che un tempo era presente nella zona.

Il Sea Star Rosso è solo notturno al mondo osservatorio sottomarino, utilizzando una luce morbida (colori specifici e lunghezze d’onda) per rivelare l’habitat naturale, senza disturbarlo.

Ossiano – Dubai

Non è proprio “sottomarino” ma il ristorante di fine dining, aperto solo la sera, situato in fondo al mega acquario, meritava di essere nominato.

L’acquario do 11 milioni di litri d’acqua che ospitano 65.000 tipi di pesci di ogni genere, del famoso e superscenico Atlantis The Palm Resort a Dubai e dona comunque la sensazione unica di essere in fondo al mare. Anzi, tutto da Ossiano è un omaggio al mare. Dalla cucina contemporanea con echi mediterranei agli arredi quasi onirici che richiamano gli abissi con colonne a spirale, applique a conchiglia, candelabri in madreperla, banconi in onice porpora, pareti con stucchi dai colori scuri, dove tutta l’attenzione, ancor prima del piatto, è sull’impagabile habitat marino diviso dalla sala da grandi vetrate.