Il messinese Giuseppe Geraci in gara per il Premio Italia a Tavola

0
346

TORREGROTTA (ME) – Il messinese Giuseppe Geraci, patron del Ristorante Modì di Torregrotta, è l’unico chef messinese in gara per il Premio Italia a TavolaPersonaggio dell’anno dell’enogastronomia e dell’accoglienza”. Il premio, giunto alla 15ª edizione, il 13 marzo prossimo vedrà trionfare un leader per ogni categoria: cuochi, pizzaioli e panificatori, pasticceri, sala e hotel, barman, opinion leader. Il sondaggio ha preso il via il 30 gennaio e si svolgerà in tre fasi. Si potrà votare per il 1° turno fino alle ore 12 del 20 febbraio. Chiunque avrà la possibilità di esprimere le proprie preferenze sul sito www.italiaatavola.net tra i 36 candidati di ciascuna categoria, in gara per conquistare il titolo di “Personaggio dell’anno”. Tra di loro c’è lo chef Giuseppe Geraci che, emozionato, ha affermato: “Per il secondo anno sono stato selezionato da Italia a Tavola ed ogni volta è una sorpresa bellissima. Sono orgoglioso di rappresentare il mio territorio all’interno di questo contest ed essere in gara al fianco di colleghi veramente importanti come Carlo Cracco e Antonino Cannavacciuolo. Questo rende la sfida ancor più bella”.

Per Giuseppe Geraci è l’inizio di un altro anno magico, dopo quello appena trascorso che ha visto il Ristorante Modì essere inserito tra i cinquanta migliori ristoranti d’Italia nella prestigiosa Guida 50 Top Italy 2023. Il Modì ha conquistato il 21° posto su 50 nella sezione Cucina d’Autore grazie al grande lavoro di squadra fatto in cucina da Geraci, e in sala dalla compagna Alessandra Quattrocchi, padrona di casa e sommelier, grazie alla quale nel 2022 il Modì ha conquistato il “Best of Agrodolce 2022”, per il “Miglior servizio dell’anno”.

Una squadra forte e appassionata nella vita e nel lavoro, quella formata da Alessandra e Giuseppe che si sono conosciuti sui banchi di scuola e non si sono mai più lasciati. La loro vita nel mondo della ristorazione è iniziata, infatti, da giovanissimi, poco più che ventenni. Guidati da una sana voglia di fare, sostenuta da una innata curiosità e da un pizzico di incoscienza, a ventidue anni hanno deciso di dar vita al loro ristorante, consolidando la loro unione anche sul lavoro. Nell’ottobre del 2011 è nato così Modì, che Giuseppe ha voluto fosse a Torregrotta, il suo paese di origine, quello su cui scommettere.

Un ambiente raffinato dai toni caldi accoglie gli ospiti che, in estate, possono godere di una splendida terrazza panoramica con vista sulle isole Eolie, che sono fonte di ispirazione per lo chef. L’influenza dell’arcipelago eoliano che ha dato i natali a Alessandra Quattrocchi è, infatti, ben presente nella sua cucina che trae ispirazione da antiche ricette tipiche delle famiglie eoliane per trasformarsi in piatti contemporanei dai sapori ben definiti.

Un territorio, quello di Torregrotta, che Alessandra e Giuseppe sono riusciti a valorizzare grazie al loro lavoro e che è diventato metà di turismo enogastronomico, al pari della vicina Milazzo. Il Ristorante nel 2019 è stato premiato come Miglior Ristorante “Best in Sicily” da Cronache di Gusto, è entrato a far parte della famiglia de “Le Soste di Ulisse, e da anni è presente nelle principali guide di settore, quali Michelin, Gambero Rosso, L’Espresso, 50 Top Italy.