Settembre, tempo di…aglio e spaghetti!

0
1670

Ebbene si, settembre è il periodo dell’aglio, demonizzato per le conseguenze poco profumate che lascia nell’alito di chi lo consuma, questa bulbosa ha mille pregi.
In questo blog abbiamo giá parlato dell’aglio nero, oggi parliamo di quello tradizionale, quello che spaventa i vampiri!

La sua storia è lunga: usato giá nell’antico Egitto per aumentarne la resistenza e per prevenire le malattie, nell’antica Grecia pare che gli atleti olimpici masticassero aglio prima di partecipare ai giochi per migliorare la performance sportiva, l’Odissea, i libri di medicina indiani e la Bibbia parlano di questo ortaggio.
Oggi sappiamo che l’aglio contiene diversi minerali come potassio, calcio, fosforo e selenio e vitamine, in particolare la vitamina C e alcune vitamine del gruppo B.
Antiipertensivo, antielmintico (gli elminti sono una classe di vermi che possono parassitare l’intestino), antiossidante, rafforza le difese immunitarie, abbassa la pressione e il colesterolo.

Insomma, che dire…stasera si mangia un bel piatto di spaghetti aglio, olio e peperoncino!
Conoscete la ricetta, vero? In caso eccovela!

Ingredienti per 4 persone

  • 300 gr spaghetti
  • peperoncino piccante a piacere
  • olio extravergine di oliva
  • 2 spicchi di aglio
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • sale q.b.

Preparazione

Sbucciate l’aglio e tritatelo finemente. Prendete il peperoncino, tagliatelo a metá ed eliminate i semini (sará piú delicato).
In una padella versare l’olio unite l’aglio, facendolo rosolare a fuoco medio e stando attenti a non bruciarlo. Aggiungete il peperoncino e mescolate.
Cuocere gli spaghetti scolandoli quando sono ancora al dente, e conservare un bicchiere scarso di acqua della cottura.
Saltate gli spaghetti nella padella con l’aglio e il peperoncino aggiungendo poco per volta l’acqua di cottura, mescolando fino a fine cottura
Portate in tavola gli spaghetti aggiungendo il prezzemolo fresco.

Nota: se volete provare a evitare l’alito pesante (almeno in parte) dovete privare l’aglio del piccolo germoglio verde interno facilmente estraibile.