Ivan Matarese, chef ad alta quota!

0
1219

I menú di Ivan Matarese continuano a far parlare di sé e a dare lustro, in caso ne avesse bisogno al ristorante Viel dal Pan, nell’area delle Dolomiti Arabba-Marmolada.

Giá nel 2014 era finito sulla, e nella, bocca di molti grazie al suo “panino senza”che trasformava la sosta sugli sci in una sosta gourmet: panini fatti con pagnottelle sfornate fresche ogni giorno e farciti con salamino, wurstel o prosciutto cotto senza antibiotici e di altissima qualità prodotti dal padovano Attilio Gorza, l’inventore della linea di prodotti “Senza”.

Dai panini si è poi passati ai romantici Mercoledí sotto e stelle” che anche in questa stagione invernale 2016/2017 hanno presentato interessanti proposte gastronomiche.

Mercoledì Sotto le Stelle si svolge per tutto il periodo di apertura della ski area Arabba-Marmolada (fino al 9 Aprile 2017); dalle ore 19.30 gli ospiti possono raggiungere comodamente in funivia lo splendido Ristorante Viel Dal Pan, ambiente caldo ed accogliente, e gustare una eccellente cena scegliendo tra il menù degustazione a 6 portate o i menù “Il Mare d’Inverno”, “Enrosadira” e “Flora” di Chef Matarese. Dopo la cena, è possibile ammirare le stelle dalle postazioni telescopiche del Ristorante Viel Dal Pan e quindi rientrare ad Arabba entro le 23.30 comodamente con la funivia.

Ma chi è questo chef che fa sognare il palato a 2.500 mt di quota?

La famiglia di Ivan da tre generazioni, in linea materna, è dedita alla ristorazione

Viene da lontano dunque la passione per il suo lavoro e dal babbo scultore la ricerca formale nella composizione dei suoi piatti.

Nei primi anni 2000 la sua prima esperienza professionale al Castello di Brolio, successivamente in Italia e all’estero in importanti ristoranti e Relais & Chateaux che arricchiscono il suo curriculum e la sua competenza che si completa a Colle di Val d’Elsa, nel Relais & Chateaux di Gaetano.

Oggi attraverso la cucina del ristorante Viel dal Pan, propone sapori, profumi e colori accostati con sapienza e creatività, donando ai suoi piatti una nota piacevolmente inaspettata e personale, trasformando la tradizione in una nuova esperienza.