Propoli, un altro dono delle api.

0
1702

È quasi finito il nostro viaggio tra i prodotti delle api che vengono ingeriti (non parleremo quindi della cera), e dopo aver parlato del loro veleno, del polline e della pappa reale oggi ci occupiamo della propoli!

La propoli non è propriamente un prodotto delle api ma viene da queste raccolta e…”raffinata”.

Prima di arrivare all’alveare la propoli si trova nelle gemme e nella corteccia delle piante, le api, dopo il raccolto, elaborano questa sostanza resinosa con l’aggiunta di cera, polline ed enzimi prodotti dal loro organismo.

Di color giallo-marrone-rosso, la propoli viene di solito prodotta dalle api per la protezione dell’alveare. Utilizzata per sigillare sia l’esterno che l’interno dell’alveare in modo da proteggerlo da agenti climatici e infettivi grazie alla sua azione disinfettante e antivirale, la produzione della propoli e il suo utilizzo come rivestimento delle superfici interne degli alveari fa sì che questi ultimi siano tra gli ambienti più sterili in natura!

ll contenuto della propoli varia da propoli a propoli, ma generalmente vi si trovano resine, cera e acidi grassi, oli essenziali e sostanze volatili, polline, composti organici e minerali, tra questi il magnesio, calcio, potassio, rame, ferro e diversi altri, diverse vitamine: la B1 – B2 – B6 – C – E – P ( flavonoidi o bioflavonoidi).

Forte anche la presenza di: polifenoli, cumarine, aminoacidi, steroidi e composti inorganici. Le attività biologiche sono da attribuirsi principalmente a flavonoidi e ad acidi fenolici.

La propoli, come si puó facilmente immaginare, svolge numerose attività benefiche per tutto l’organismo. La composizione di acido caffeico e flavonoidi rende la propoli un potente antinfiammatorio, efficace in persone che soffrono di asma.

È un ottimo prodotto naturale preventivo contro raffreddori e influenze.

Ha effetti antivirali, cicatrizzanti, antimicotici, immunostimolanti, vasoprotettivi

La propoli in soluzione glicolica o alcolica è utile per afte, ascessi, vescichette del cavo orale, sui denti doloranti ha un’azione decongestionante.

Viene persino usata per curare bruciature, irritazioni e brufoli (li secca e li cicatrizza).

In commercio la propoli si trova sotto diverse forme:

  • soluzione liquida
  • sciroppo
  • spray e aerosol per naso, bocca e gola
  • pomate e unguenti per uso cutaneo
  • dentifrici, shampoo, saponi
  • pastiglie masticabili
  • capsule
  • via frazione volatile, grazie ai diffusori ambientali di propoli